Visite di oggi: 13
Visite di ieri: 15
Visite nel mese: 174
Visite totali: 107295
GARA DI CASA, GARA DA BASA... | Stampa |
21_settembre_005.jpg

 

Purtroppo la fine del campionato è giunta, ma per fortuna, come da qualche anno accade, la chiusura avviene a casa nostra. A San Pancrazio siamo riusciti a rimpatriare tutti gli sponsor “splendidi” sotto il nostro tendone per ringraziarli alla nostra maniera: una bella tavolata con ogni ben di Dio.

A dire il vero alla maggior parte di noi interessava poco l’esito della gara in se, perché il nostro obiettivo era trasformare la domenica in una festa vicino alla sede del Team in mezzo a tanti amici: e così è stato.

Tuttavia il motivo clou per cui ci trovavamo a fianco del kartodromo di San Pancrazio era pur sempre una gara di campionato italiano, quindi dopo aver pensato a svaligiare i supermercati della zona per assicurare carne al fuoco, abbiamo anche trovato il tempo per far fare all’Agritruck la migliore figura possibile. Onestamente crediamo di esserci riusciti.

 00024464-tractor_pulling-web_medium.jpg

Al di la dell’ormai onnipresente secondo gradino del podio per il Poderoso, ci ha commosso ancora una volta la capacità di fruttare ogni singolo cavallo erogato dal Conti, capace anche in questa occasione di svergolare i fianchi delle nostre BF Goodrich, sempre prodighe di grip anche in condizioni gravose come quelle riservate dalla terra di Parma. Telaio svergolato al massimo, solo qualche incertezza in partenza per riuscire a far pattinare a dovere le double cut gonfiate davvero al minimo sindacale, ed ecco che l’Agritruck si esibisce in una qualifica con partenza allegra ed uno slancio che lo porta a raggiungere una ragguardevole velocità a fondo pista.

La finale è stata al cardiopalma perché tirare tra un Baro esordiente con 2 Allison alcolizzati ed uno Starlight assetato di 21_settembre_107.jpgdimostrare che potenza devastante riesce a sprigionare, significa avere un’alta probabilità di fare una brutta figura. Fortunatamente così non è stato ed il risultato, un secondo posto a 1,5 metri dal Baro e 4 metri rifilati a Romano (sappiamo che non fanno testo perché se non avessero avuto problemi di saltellamento al retrotreno il loro era un full pull garantito, però…) ci riempie di orgoglio. La felicità di tutti noi era alle stelle e l’orario di “fine lavori” non proibitivo ci ha permesso di festeggiare abbondantemente con tutti coloro che si sono voluti aggregare.

Degna conclusione di un campionato dove, tra i monomotori, l’Agritruck detta legge.

E intanto ai box una nuova creatura ha fatto capolino…

 
< Prec.   Pros. >
design: effettografico