Visite di oggi: 2
Visite di ieri: 9
Visite nel mese: 193
Visite totali: 104725
STAGIONE 2011 - LENDINARA | Stampa |
dscf7184.jpg

Dopo la gara di Zwolle a gennaio il Sota Spirit è stato fatto a pezzi e revisionato completamente per mettere tutte le sue parti al top delle performance, visto che in Italia, nella 3,5ton, con soli due motori, dobbiamo rendere al massimo per rimpiazzare il "terzo gemello" che ancora non c’è.I motori Chevy by Oddy’s sono stati revisionati, con nuovi pistoni, bielle, bronzine e stessa lavorazione anche per gli organi della trasmissione.

Abbiamo avuto un brivido quando abbiamo trovato delle "cricche" sull’albero motore del propulsore "retro" ed è stato cautelante sostituirlo: il Callyes è arrivato, ma con i buchi del volano da rifare e tutto questo, sommato al fatto che per lo Splendido Team è stata "la prima volta", un po’ di apprensione l’abbiamo avuta.

dscf7054.jpg

 

 

 

 

 

La calma e la serenità ce l’ha data il nostro Luig, al secolo Luigi Allodi, che nonostante le sue primavere, ha la voglia e la passione di un ragazzino, che unite ad una esperienza non indifferente nel mondo motoristico, ci ha aiutato, supportato e sopportato, nella revisione dei Chevy.

Basti pensare che le ns. frequenti preoccupazioni venivano mitigate e superate da Luig con una frase disarmante: "Ragazzi, saranno motori da corsa americani, ma sono fatti di bielle, pistoni e valvole come quelli italiani…"

 

 

 

 

 

 

lend_004.jpg

 

 La cura e la passione, ma anche lo sforzo e l’impegno della ns. squadra, hanno fatto sì di ultimare i "gemelli Oddy’s" senza lasciare nulla al caso e farci dormire sonni tranquilli.

L’altra modifica importante al Sota Spirit è stata la "suolatura" delle scarpe, cioè la lavorazione delle gomme Firestone Puller 2000 seguendo le indicazioni ricevute dal team Eager Beaver quando siamo stati a gennaio a Zwolle.

Ci siamo ingegnati a capire prima cosa c’era da scolpire e poi abbiamo studiato come farlo: e qui i ns F.lli Buzzoni hanno realizzato un macchinario che ci ha permesso di "ferrare" il Sota come un "cavallo da tiro" senza dover impiegare troppo tempo o ricorrere a intagliatori professionisti. dscf7182.jpg 

 

 

 

 

 

Facile capire il nostro stato "ansiolitico" in quel di Lendinara, dove più che una gara per noi voleva essere un test delle amorevoli cure al trattore.

Il Sota Spirit è stato scaldato ai box dove ci ha fatto piacere avere l’attenzione di tanti fans che hanno fatto i complimenti per la ns. macchina, sebbene fosse….ferma!

Il Poderoso ha poi preso il suo posto sopra al Sota Spirit ed ha agganciato la slitta coordinato dal Servo e da Luig, emozionato come non mai, essendo la "sua prima volta in pista".

L’emozione di sentire il "tlack" della catena al tiro del trattore è stata immensa e Max ha subito voluto "mettersi in tiro".

Giù la visiera e giù la manetta, dosando il gas con tanta attenzione a non far slittare troppo le gomme, ma al tempo stesso a far girare bene in alto i V8.

Il duetto Oddy’s ha risposto bene ed il trattore ha messo a terra tutta la potenza americana in un sound bello vigoroso che ci ha fatto venire la pelle d’oca.

Full-pull senza colpo ferire ed il Sota Spirit ancora tutto in un pezzo: una liberazione ci ha colto ed ha scaricato la tensione!

dscf7104.jpg

 

 

 

 

 

 

Al paddock abbiamo anche avuto richieste di autografi dai ns. tifosi, tra cui ci ha fatto piacere notare che ai bambini piace molto il Sota Spirit: e si sa che i bambini sono la bocca della verità!

 

 

 

 

  

  dscf7055.jpg

 

Check-up generale prima della finale, dove si decide di utilizzare un assetto molto "pesante" dietro per verificare la risposta dei "gemellini" allo sforzo.

Al parco chiuso il Poderoso scherza prima del ns. turno e chiede, con la sua faccia da schiaffi: "volete una tirata cattiva?" alla quale la risposta è facilmente immaginabile: "falla come ti pare, ma che sia bella".

La slitta è caricata a dovere e per un attimo abbiamo pensato di aver "esagerato" nel dare grip al posteriore, ma questo lo scopriremo solo …. tirando!

Il Poderoso è pronto e come in tutte le finali parla ai gemellini "ragazzi fate del vs. meglio" e loro pare rispondano "tu pensa a dare gas e a rimanere dentro quel pezzo di terra tra le righe bianche che è la pista."

 dscf7206.jpg

 

 

Arriva la bandiera verde e il Poderoso accelera senza indugio.

Le 16 canne d’organo urlano potenza cattiva.

Le ruote morsicano il terreno di Lendinara macinando metri su metri.

Il pubblico ha la pelle d’oca estasiato.

La pista è finita, il full-pull è raggiunto anche in finale!

I fans applaudono in visibilio, noi abbiamo le lacrime di gioia!

 

 

E dopo essere saliti sul gradino più alto del podio, come consuetudine, via al box a festeggiare con gli amici con salame, parmigiano e champagne di fognano, ovviamente by Splendido Team.

Cari Splendidi Fans, uno Splendido Saluto e arrivederci alla prossima!

 
< Prec.   Pros. >
design: effettografico